Traduzioni disperse e inedite

di Franco Fortini
Mondadori, 2024
Collana: Biografie, Letteratura e Studi Letterari
In commercio dal: 2024
Pagine: 328 p.,
ISBN: 9788804750857

Il prezzo originale era: €18,00.Il prezzo attuale è: €17,10.

-5%

Opzioni di pagamento

Descrizione

Figura di grande rilievo nella cultura del Novecento, Franco Fortini ha spaziato nei più diversi campi della ricerca letteraria: dalla poesia alla critica alla narrazione, con una decisa presenza anche come traduttore. Testimonianza esemplare di questa attività è l’autoantologia “Il ladro di ciliege” (1982), un “quaderno” di versioni poetiche da diverse lingue apparentabile a quelli di Sereni, Montale, Bertolucci e altri, che Luca Lenzini ha voluto accogliere nel volume complessivo “Tutte le poesie” (2014). Lo stesso curatore ci propone oggi un’ampia ulteriore silloge di traduzioni che attinge dall’Archivio dello scrittore. Fortini aveva esordito con la prosa nel 1942, traducendo “Un cœur simple” di Flaubert; e con la prosa, del resto, continuò a cimentarsi, lavorando su Gide, Proust e Kafka. Di sostanziale valore anche ai fini della riflessione teorica fu il suo approccio a Brecht, come attestano le sezioni intitolate “Traducendo Brecht” di “Una volta per sempre” (1963), momento significativo della sua opera di poeta in proprio; senza dimenticare la grande impegnativa impresa del “Faust” di Goethe (1970). Ma lo sconfinato viaggio di Fortini nel mondo della traduzione poetica conta anche episodi rimasti in ombra e degni di riproposta. Oltre alla frequentazione assidua, insieme alla compagna Ruth, della poesia tedesca, la sua vicinanza con la letteratura francese è mirabilmente attestata in versioni da Rimbaud e dai surrealisti; e sorprendente è la traduzione da Chrétien de Troyes apparsa nel «Politecnico» di Vittorini. Sempre lucidamente immersa nel suo tempo anche quando si misura con i classici, l’esplorazione militante di Fortini si muove (in collaborazione con esperti) in molte letterature, come quella polacca o ungherese – con esiti talora memorabili, come Poesia agli adulti di Ważyk (1956) – o spagnola: l’amatissimo Machado, ma anche Manuel Altolaguirre. Tanto libera, complessa e vasta è la sua avventura di traduzione poetica che è impossibile circoscrivere altre zone e autori presenti in questo libro, dove non manca neppure una “traduzione immaginaria” dal cinese, a rammentarci un “genere” teorizzato con originale acutezza da Fortini. A trent’anni dalla sua scomparsa, il lettore avrà uno strumento ulteriore per conoscere la personalità, così vitale e molteplice, di un protagonista della nostra scena letteraria.

    Altri Titoli di Franco Fortini

    Franco Fortini
    Mondadori
    26.60

    Traduzioni disperse e inedite