L’affaire Potempa. Come Hitler assassinò Weimar

di Johann Chapoutot
Laterza, 2017
Collana: Storia e Archeologia
In commercio dal: 2017
Pagine: 104 p.,
ISBN: 9788858126783

14,25

-5%

Opzioni di pagamento

Descrizione

L’omicidio di un operaio comunista avvenuto nella notte tra il 9 e il 10 agosto 1932 a Potempa, in Slesia, significa l’assassinio di Weimar? Non esageriamo: non fu certo l’unico delitto di quegli anni. La storia della Repubblica di Weimar è segnata da centinaia e centinaia di omicidi. Forse per assassinio di Weimar s’intende quello di una repubblica? Ci verrà ribattuto che vi sono molte altre date possibili per identificarne la fine: prima fra tutte il 30 gennaio 1933, il giorno in cui Hitler assunse la funzione di capo del governo. Che cosa avrebbe, allora, l’omicidio di un modesto operaio comunista avvenuto nella provincia più profonda e periferica, per poter competere con l’evento per eccellenza, con i suoi flash, le edizioni straordinarie e le sfilate alla luce delle fiaccole, vale a dire l’ascesa di Adolf Hitler alla cancelleria? Di fatto questo assassinio alimentò la cronaca giudiziaria e il dibattito politico: se ne parlò, molto, e non immotivatamente. Questo semplice atto di violenza fu percepito come un evento e lo storico può leggervi, sotto la superficie, le correnti profonde di molte storie.

    Altri Titoli di Johann Chapoutot

    L’affaire Potempa. Come Hitler assassinò Weimar