Annali. Testo latino a fronte

di Publio Cornelio Tacito
Einaudi, 2024
Collana: Biografie, Letteratura e Studi Letterari
In commercio dal: 2024
Pagine: 1160 p.,
ISBN: 9788806262518

18,05

-5%

Opzioni di pagamento

Descrizione

L’opera del più grande storico della letteratura latina, percorsa dalla triste constatazione che il governo del mondo sembra non potersi sottrarre all’inevitabilità del male. «Di Augusto si sono occupati storici illustri, ma poi è prevalsa l’adulazione. La storia di Tiberio e di Caligola, di Claudio e di Nerone è stata falsata, per paura finché furono al potere, per odio dopo la loro morte. Io intendo illustrare la fine di Augusto, il principato di Tiberio e tutto il resto sine ira et studio. Non ho motivi di risentimento né ragioni per una particolare benevolenza verso quei principi». Gli “Annales” si aprono con questa solenne professione di imparzialità, ma Tacito, nel raccontare gli anni tra la morte di Augusto e la fine di Nerone, non è imparziale. Il meno che si possa dire è che è sovranamente tendenzioso. Non altera i fatti, sa presentarli però con un montaggio micidiale, e poi sottolinea, allude, commenta, insiste. Si pone di fronte alla storia con uno sguardo spietato, senza illusioni, di chi sa che l’unica alternativa all’impero è il caos, la guerra di tutti contro tutti.

    Annali. Testo latino a fronte